Parrocchia San Gaudenzio

Maria di Nazaret la più amata

Fra le devozioni popolari, quella a Maria, la madre di Gesù, è certamente la più diffusa. Sulla Vergine di Nazaret ci sono studi, trattati; si sono pronunciati Concili; si sono dichiarati Dogmi.
Al di là degli studi importanti, Maria resta la più amata dopo la Trinità; quella cui più facilmente ci si rivolge. Il ventesimo secolo “il nostro”, è stato un tempo particolarmente mariano. Papa Pio XII nel 1942 ha consacrato il mondo al Cuore Immacolato di Maria ( anche la tela posizionata nel nostro santuario che ricorda l’avvenimento); nel 1950 ha definito il Dogma dell’Assunzione; nel 1954 ha indetto l’anno mariano nel centenario della definizione dell’Immacolata (vedi la santella di Via Villasca).

Il Concilio Vaticano II, nella Costituzione Dogmatica Lumen Gentium, proclamò la Madonna “madre di Dio e della Chiesa”. Paolo VI riassume tutta la sua devozione filiale nella esortazione apostolica : “Marialis cultus” nel 1974. Infine tutti conosciamo l’indubbio amore preferenziale per Maria dell’attuale Papa, autore fra l’altro di un documento: “Redentoris Mater” di grande bellezza e sapienza.
Siamo invitati a compiere un piccolo viaggio per scoprire in terra mompianese i segni della devozione mariana, quale fenomeno irresistibile che domina tutta la storia della salvezza, chiamando l’umanità a venerare la Madre di Cristo.
Le Santelle  più avanti descritte sono evidenti frutti di questa devozione, suggellata dal restauro del nostro Santuario, avvenuto nell’anno  del grande Giubileo,  e riaperto al culto pubblico il 15 Ottobre 2000.

Le Santelle di Mompiano

Apparizione  della Madonna a Lourdes – 1954 – via Villasca.

Addolorata: affresco su muro – via Montedenno n.22.

Madonna di Loreto: affresco casa Pasolini – via Montedenno n.8.


Madonna della sofferenza: edicola via Fontane
Madonna della Rosa: quadro nella nicchia - via Maternini n.115.

Madonna dell' uva: affresco -  via Valle n.29.

 

Madonna con il vescovo di Brescia
Giovanni Badoaro (+17 maggio 1714)
e San Rocco affresco – via Maternini n.11.

Madonna con San Francesco e Santa Chiara
affresco via Lama n.12.

Madonna con Gesù bambino: lunetta marmorea – via Ambaraga n.12.

La Madonna della Seggiola è un dipinto a olio su tavola
di Raffaello Sanzio, databile al 1513-1514 circa e conservato
nella Galleria Palatina di Palazzo Pitti a Firenze